Come vivere infetti e felici
 
 

maggio

Posted at maggio 14, 2007 by

spongi7Se siete già in ansia pensando a quale dovrà essere l’involucro con cui rivestire un vostro/a pargola/o il prossimo carnevale, se ancora non avete spedito a calci laddove merita, (all’inferno, o a Cento di Ferrara), ciò che resta di questa decadutissima tradizione, la Casina Verde, con dovizioso ritardo, vi regala una ricetta esclusiva: fatevi in casa il vostro Spongebob. L’eroe più recente dei gusti cartonizi delle Sorelle Grassilli (è in cima alla Toons Ten da molti mesi) era schedulato come “ambitissimo costume” da Gioconda, che aveva iniziato a chiederlo già dalla fine dell’estate ’06, non sapendo affatto se avrebbe avuto un luogo, un’occasione dove esibirlo.
Incoraggiato dalla forma parallelepipeda, Babbo R:ob si lascia sedurre dall’operazione e accetta di produrre la Nota Spugna.
Ecco, dalla sua esperienza, un possibile metodo per farlo.

procuratevi:

    1) 1,5 mq circa di gommapiuma chiara, spessa non meno di cm 1,3
    2) Un pezzetto di gommapiuma grossa, tipo quelli che si trovano a volte negli imballi, un parallelepipedo diciamo di cm 10 x 10 x 20
    3) stoffa di cotone bianco, robusto, minimo 150 x 20 cm
    4) stoffa marron, tipo finto velluto o simile, minimo 150 x 20 cm
    5) gessetti gialli (molti), bianchi, verdi, rossi
    6) tempere azzurro, bianco, nero
    7) una bomboletta di fissativo per carboncino, oppure lacca spray
    8) 2 ciotole di plastica semisferiche da cucina, bianche, ∅ 20 cm. Se non le trovate bianche, prendete una bomboletta di smal9) to acrilico bianco.
    10) un foglio di cartoncino rosso
    11) dei pezzi di scatoloni da imballaggio
    12) pennarelli
    13) se lo trovate, un contenitore di plastica trasparente, di quelli a forma di grossa pastiglia (due dischi bombati uno sull’altro), di 10 cm circa di ∅ (questa e’ una finezza in più, se ne può fare a meno. Comunque oggetti così stanno di solito nelle grosse cartolerie in zona “fai da te” – calchi – forme per statuette, ecc…)
    14) tubetti di colla mastice, tipo com’era il vecchio Bostik (ma esiste ancora?)
    15) maglia a manica lunga e calzamaglia gialli
    Procuratevi ovviamente anche qualche immagine in cui si veda bene S. da tutti i lati.
spongi4 IrisNeve, Spongioconda, Emmarlecchino/4 IrisNeve, Spongioconda, Emmarlecchino/2

Misurate il moccioso che indosserà Spongi dalla sommità della testa a metà coscia. Per imballare Gioconda ad esempio, ho calcolato un oggetto alto 70 cm. Ho ricavato dalla gommapiuma cinque rettangoli, due di cm 70 x 65 (fronte e retro), due di cm 70 x 40 (i fianchi) e uno di cm 65 x 40 (la sommità). Considerato che il personaggio è leggermente piu’ largo in cima, i due rettangoli fronte retro sono in realtà due trapezi, con lato alto di 65 centimetri e lato basso di 60. La spugna di Nickelodeon ha i bordi frastagliati, quindi ho provveduto anch’io a rendere irregolari i lati della “faccia” e del “sedere” di S. Dalla gommapiuma rimasta ho ricavato: 2 guancette rotonde di circa 6-7 com di ∅, la mandibola leggermente sporgente, i due dentoni rettangolari.
Con il gesso giallo, ho colorato tutto il corpo di S., tranne una fascia di cm. 20 in basso, dove vanno i vestiti. Sul giallo, ho fatto dei grossi pois verdi e il triangolo rosso della bocca con dentro la lingua (copiate dal modello). Colorate ovviamente anche la mandibola, per i denti usate la tempera bianca…


Dal blocchetto grosso 2), ricavate il naso, che ha una forma fallica decisamente erettile. Non temete, una volta inserito nella faccia dello scervellato, la componente sessuale sparisce. Ah, naturalemente “ricavare” vuol dire armarsi di forbici e pazienza e “scolpire” piano piano la gommapiuma. Dopo aver colorato la medesima coi gessetti (prende benissimo, credetemi!), passate sempre il fissatore.
Praticate due buchi circolari nella zona degli occhi, leggermente più stretti delle ciotole che avete trovato. Io le ho rinvenute solamente gialle, quindi, per tempo, ho dovuto spruzzarle di bianco con l’acrilico. La zona piatta e circolare che fa da base alla ciotola, dipingetela con la tempera blu, realizzando al centro la pupilla nera del personaggio. Se avete trovato anche 13), incollate le due parti del contenitore a mo’ di “cornea” (come vedete nelle mie foto, l’effetto “vivo” è molto efficace).
Montate lo scatolone del corpo incollando le pareti col mastice. Rinforzate l’interno, specie dove poggia sulla testa del bimbo, con il cartone da imballo. Fate una prova di misura sul medesimo e calcolate le aperture per vedere fuori e per fare uscire le braccia.
Incollate il naso, la mandibola, le guance e i dentoni.
Ora incollate attorno a Bob, nella zona bassa, prima la fascia di stoffa bianca, poi, sovrapposta, quella marron, in modo che siano più o meno alte uguali. Incollate piano piano, facendo dei piccoli risvolti con la stoffa e fissando momentaneamente con degli spilli che poi toglierete. Non affondate troppo gli spilli nella gommapiuma, dove c’è la colla diventano inestraibili!
Sulla stoffa bianca potete aprire un taglio sul davanti, ribaltando i due angoli in modo da simulare il collo della camicia. Anche qui ho stabilizzato con la colla. La cravatta è una semplice sagoma di cartoncino rosso.
Dall’interno infilate gli occhioni nelle aperture, sui bordi delle quali avete messo il solito mastice. Con i pennarelli, rifinite: efelidi arancioni, ciglia nere, la cintura pure nera.

Quello che posso dirvi è che la passeggiata di Sponge-conda, lungo il Corso d’Augusto di Rimini, è stata memorabile. Non finivano di farsi fotografare con lei/lui (ed erano sopratutto ragazzi grandi), di stringerle la mano, di complimentarsi, tanto che ad un certo punto la Giochina si è un po’ spaventata ed ha chiesto di rientrare a casa. Le due sorelle, acconciate in modo piu’ tradizionale, un po’ rosicavano un po’ erano orgogliose.
Questo è stato. Ora vi saluto, vado a bere: a forza di descrivervi questa cosa, mi è venuta la voce da Muciaccia.

 
 

COMMENTS

RSS feed for comments on this post · TrackBack URL

  1.  Troppichili said:

    maggio 18, 2007 @ 4:01 pm

    ma è un’impresa titanica! Sono annichilita dall’ammmirazione! 😯

  2.  marchino said:

    maggio 24, 2007 @ 3:21 pm

    Bellissimo, se lo vedono i miei bambini mi toccherà mettermi al lavoro già da dopo ferragosto…

  3.  R:ob Grassilli said:

    maggio 25, 2007 @ 10:59 am

    Ci e’ voluto un po’, in effetti. E considerato il lavoro con forbici e gommapiuma, si puo’ parlare di ogni ritaglio di tempo disponibile 🙂

 
Comment Form

 
 
 
La Vonorace is powered by WordPress™ on FatMary Theme © 2008
‡ 28 queries in 0,423 sec ‡