Come vivere infetti e felici
 
 

gennaio

Posted at gennaio 18, 2008 by

Cena Ratatouille'07/2Per il secondo anno Santo Silvestro l’abbiamo gabbato ben prima che la festa finisse.
Di nuovo interpellate, le SorelleGrassilli® suggerivano a una sola voce il “tema” per la cena del trentuno (l’anno scorso si mangiò in atmosfere genericamente disneyane). Questa volta sarebbe stata la volta di “Ratatouille” .
Insomma, era il pretesto giusto per metter su una cosa un po’ francese, attingendo più ai ricordi della vacanza dello scorso giugno che al pur meritevolissimo film del roditore-ristoratore. Così Lia ha elaborato un menu parisienne (che trovate qui sotto) mentre io ho pensato agli effetti speciali.
Alle 21.00 dell’ultimo giorno dell’anno, quando la porta del rinato Gousteau si è aperta, Gioconda Iris ed Emma hanno potuto accomodarsi fra bandiere e festoni tricolore, gadget topeschi e struggenti fisarmoniche, nella tipica atmosfera di un ristorante boulevardien (si sentiva in effetti il brusio tipico e ogni tanto anche il rumore lontano del Metrò). Pensate che, scostando le tendine, si poteva vedere la Tour Eiffel proprio lì fuori, nel nostro cortile riminese!
Il tempo di assaporare le portate della nostra raffinata Chef (il pancione da buongustaia c’era!) ed era già ora di uscire in veranda ad accendere qualche candelina scintillante, mentre la diretta di Raiuno rombava a un paio di chilometri da noi, nella zona del Grand Hotel.
E finchè Iris, spaventatitssima dai botti dei vicini, non ha decretato che ok, il 2008 era arrivato, ora si poteva andare a dormire.

Qualche immagine della serata di gala, cliccando qui.

Cena Ratatuille

Pissaladière
Fondue bourguignonne
Pommes frites
Ratatuille
Fromages de France (Brie, Comté, Roquefort)
Gateau au chocolat moussant
bevande: birra artigianale Le Baladin, eau minerale petillant Conàd
brindisi di mezzanotte con champagne Mumm




 
 

gennaio

Posted at gennaio 16, 2008 by

Grazie alla famosa università a distanza, Benedetto XVI potrà rompere le balle a studenti e professori senza muoversi dal Vaticano: «Ne ha il sacrosanto diritto – confermano i suoi tutor – visto quel che gli facciamo pagare». Anche da sinistra si critica la protesta dei docenti della Sapienza contro il Papa: «Discriminato uno studente lavoratore straniero». Il Viminale: «Eppure alla Sapienza c’erano tutte le garanzie di sicurezza: da anni Scattone e Ferraro non frequentano più l’ateneo». L’Osservatore Romano riporta d’attualità la vicenda di Giordano Bruno: «Non è stato bruciato, ma termovalorizzato». Nuovo testimonial d’eccezione per il Cepu: «Giuliano F., 60 anni, ateo ed ex comunista, ha laureato la sua intolleranza ed è diventato teologo». Detto fra noi, l’ottanta per cento dei giovani italiani non sa perché si alternano il giorno e la notte: chi ha offeso di più Galileo, la Chiesa della Controriforma o la scuola della riforma Moratti?

 
 
 
La Vonorace is powered by WordPress™ on FatMary Theme © 2008
‡ 27 queries in 0,527 sec ‡