Come vivere infetti e felici
 
 

luglio

Posted at luglio 1, 2013 by

Ciao! Ed ora vi racconterò un po’ il nostro viaggio a Montefalco. Era un convegno organizzato da Luca Preziosi che vive a Montefalco, ed ha invitato i twitteri più famosi a vedere le bellezze del posto. In cambio, gli invitati scrivevano dei twits favorevoli al posto. Il progetto è riuscito più che bene.

PRIMO GIORNO Venerdì 28 giugno                                                                                                                                                                                                                                  Siamo usciti di casa alle 2:45 perchè il treno arrivava alle 3:15, e volevamo essere sicuri di non perderlo (non si sa mai). Siamo arrivati dieci minuti prima e abbiamo aspettato il treno. Quando è arrivato siamo saliti, ci siamo accomodati e il viaggio di un’ora è iniziato. Per passare il tempo ho ascoltato delle canzoni sul mio iPod. Poi c’è stata una sosta di venti minuti e dopo abbiamo preso l’altro treno. Questo viaggio è durato più o meno 2 ore. Siamo arrivati a Foligno alle 5:30, pioveva, dove degli amici della mamma e del babbo ci hanno portato alla nostra albergo-villa. Era fantastica, immersa nel verde con fiori di ogni tipo. C’erano tanti appartamenti e la ragazza della reception ci ha dato due chiavi di due appartamenti collegati: uno per me e Iris, e uno per la mamma, il babbo e Orlando; e ci siamo rilassati un po’. Dopo la pioggia c’è stato un bellissimo arcobaleno. Verso le 8 ci sono venuti a prendere e ci hanno portati in un cantina dove un tizio ci ha spiegato come e dove il vino veniva conservato. Siamo saliti al piano superiore dove c’erano crescentine, salumi, salvia fritta, insalate squisite e vini pregiati. La mamma e dei suoi amici hanno fatto una foto dell’affresco dell’ultima cena di Da Vinci, con la mamma che faceva Gesù e tutti gli altri gli apostoli. E’ venuta bene. Poi a pancia piena siamo tornati in albergo a riposare.

SECONDO GIORNO Sabato 29 giugno                                                                                                                                                                                                                                                           Mi sono svegliata verso le cinque perchè un gallo ottuso si è messo a cantare. Ho cercato di riaddormentarmi, ma niente. Dopo un po’ ce l’ho fatta. Mi sono risvegliata alle 9:30 per andare a fare colazione. Tutto squisito. Poi ci siamo infilate il costume e ci siamo tuffate in piscina: l’acqua era gelida. Ma non potevo uscire, io adoro la piscina. Per me l’estate è mare, piscina, fuochi d’artificio. Ho trascorso 2 ore e mezza lì dentro. Poi siamo usciti dall’acqua perchè dovevamo uscire a pranzare e abbiamo visitato una cantina piena di vino. Abbiamo assaggiato cose buone (pane e salumi, praticamente le uniche cose che abbiamo mangiato a Montefalco), poi la mamma e gli altri twitteri sono andati a visitare altre cantine, io, il babbo, Iris e Orlando invece siamo andati in piscina in albergo, altre 3 ore senza uscire mai dall’acqua. Poi siamo usciti e ci siamo andati a dare una sistematina perchè andavamo in un ristorante chic. Siamo usciti e in macchina siamo arrivati al ristorante dove abbiamo visto prima un cuoco che preparava della cose buone e che ci ha detto che Montefalco è famosa per l’olio e il vino, poi siamo andati nei tavoli all’aperto e abbiamo mangiato degli antipasti, poi della pasta al pesto e della carne. Albergo e a dormire.

TERZO GIORNO Domenica 30 giugno                                                                                                                                                                                                                                          Di nuovo alzata verso le 5, mi sono messa il costume e sono tornata a dormire. Poi mi sono rialzata alle 9, ho aspettato che gli altri si alzassero e poi siamo andati a fare colazione. Subito dopo sono andata fare 2 ore e mezza di piscina insieme ai miei fratelli. La mamma poi ci ha chiamati e siamo saliti a prepararci. Siamo andati in paese e una signora ci ha spiegato la spremitura dell’olio. Non finiva più. Abbiamo mangiato di nuovo le solite cose buone, poi siamo dovuti andare in stazione ad aspettare il treno che ci avrebbe prtato a Falconara Marittima. Arrivati lì abbiamo preso il treno che portava a Rimini, la nostra città. Non c’era praticamente posto e ci siamo seduti sulle scale. Ogni 10 persone che salivano ne scendeva mezza! Arrivati a Rimini ci siamo incamminati verso casa.

Io pensavo che mi sarei annoiata con gli amici dei genitori, invece erano persone molto simpatiche e mi sono divertita un mondo. 🙂 🙂 🙂

 

Gioconda Grassilli 😉

 

 
 
 
La Vonorace is powered by WordPress™ on FatMary Theme © 2008
‡ 26 queries in 0,283 sec ‡