Come vivere infetti e felici
 
 

febbraio

Posted at febbraio 6, 2012 by


Auguri all’immaginifica, irrinunciabile Numero Tre che ha raggiunto i suoi nove anni!

 
 

gennaio

Posted at gennaio 4, 2010 by

Iris accende la radio in bagno: “che schifo è una canzone in italiano”. Ma perchè Iris…? “Perchè così si capisce cosa dicono! Sempre amore, amore…”

 
 

novembre

Posted at novembre 16, 2009 by

Agnellino

L’agnellino è bello / l’agnellino è bello / l’agnellino è bello / l’agnellino è brutto (Iris a tre anni)


 
 

ottobre

Posted at ottobre 17, 2007 by

Ma cos’è questo gatto marziano?

Cosa c’entra il gatto marziano?

Ma se lo dicono tutti i giornali!

Emma Grassilli la neoavanguardista

(aggiornamento: Emma ci segnala che questa in realtà era di Iris)

Iris Grassilli la neoavanguardista

 
 

maggio

Posted at maggio 7, 2007 by

T-shirt scolastica
Alla festa della scuola materna di Iris, tutti indosseranno una maglietta dedicata al tema che ha fatto da filo conduttore durante il passato anno scolastico, ovvero l’Arca e i suoi passeggeri. Il disegno che ho fatto per questa occasione è Ecoline+Photoshop.

 
 

ottobre

Posted at ottobre 11, 2006 by

Primo giorno di scuola 2006 / 6Babbo= non credo sia un granchè quel cartone animato… Ancora una storia di formiche…
Iris= lo faccio io un film, domani!
Babbo= oh si dai fallo tu. Come sarà la storia?
Iris= c’è un gatto e una formica…
Babbo= già così mi piace di più il tuo film.
Iris= il gatto incontra la formica. E se la mangia.
Babbo= ma…?
Iris= e diventa tutto nero.
Babbo=
Iris= Finito. Vuoi sentire un altro film?

 
 

ottobre

Posted at ottobre 8, 2004 by

Iris ciangotta, trilla, crispicchia. Iris sa dire ormai trentotto parole. Iris adora la Pimpa e Spotty. Iris urla di gioia quando arriva la trici con le sorelle. Iris sperimenta tutto coi suoi manini. Iris aderisce con tutto il corpino quando la stringi. Iris mangia tutto con grande concentrazione. Iris fa il pandemonio nel seggiolone se capisce che c’è il gelato. Iris fa ciao a tutti per strada. Iris per protesta si strappa i calzini. Iris canta “ad Hammamet“. Iris solleva la maglietta a Gioconda e le bacia il pancino. Iris disegna grandi palle rosse in mezzo al foglio. Iris allarga le braccine e dice “maaaah“. Iris spaventa mobili e muri col suo pennarello. Iris, se la sgridi, corre infuriata a mordere il divano. Iris vuole pigiare tutti i tasti del cellulare. Iris dice “ciao” quando la lasci al nido, gira i tacchi e si mette al lavoro. Iris ti fa domande tipo: “aga labama tlega lafamama?“. Iris indica qualunque animale e dice “miao“. Iris si siede sulle sue gambine flessibili e apre il libro che ha nelle mani (identica ad Emma, alla stessa età). Iris fa il bagno con i suoi sei pesciolini colorati. Iris vuole il suo covino con mamma alle due del pomeriggio. Iris tottolinea, bullbolla, niboliccia.
Nomignoli in corso per Iris: Chichinìn, Kookie, Sbambolotta, il Procionetto, Piglet, Coniglio, Tuffetto, Amorino, Fantoccio, Irisìn Bambin, Bambìn, BAMBIN! (ecc…)

 
 

marzo

Posted at marzo 10, 2004 by

spiaggia1_th.jpgGiuro che è andata così:
Lia= Emma, hai detto che ti piace, te l’ho tagliata, adesso mangia quella fetta di caciotta.
Emma= Non posso mangiarla adesso, la mangio in maggio, il quattro maggio.
NasoDiPapolo= (temendo la risposta) Perchè in maggio.
Emma= Perche’ e’ for-maggio. E “for” in inglese vuol dire quattro, quindi quattro-maggio.
NasoDiPapolo (a Lia)= Prenditi le tue responsabilità…
Lia= (tace e non fa più pressioni per far mangiare la caciotta).
NasoDiPapolo (a Emma)= E tu non essere così precoce!
Emma= Allora te ne dico un’altra! Sai qual’è il colmo per un vaso? Essere colmo! L’ho inventata io eh!
Lia e NasoDiPapolo= HAARGH!
FINE
iris2-04.jpgAnche i segnali della Topolina Tre si fanno densi. Vi abbiamo detto del suo approccio con la manualistica da web, adesso è il momento della telefonia mobile.
Quando vede un cellulare s’illumina, si agita, ondeggia sulle gambe e si allunga pretendendolo. Sia Lia che il sottoscritto possediamo dei Nok*ia maturi, entrambi sbrecciati, per cui non soffriamo a lasciarglierlo in mano per qualche minuto.
Iris allora s’impegna a fondo: coi suoi ditini da piccolo procione impugna correttissimamente lo strumento, e pigia, seleziona i menu tenendo d’occhio i cambiamenti del display luminoso. E quando finalmente sente il “click” elettronico che simula lo scatto di una fotografia (e’ la camerina del cellulare che cattura un frame) ci guarda con un sorriso trionfante.
Ma la parte più divertente non è questa. Quando se lo porta all’orecchio e imita il nostro modo di parlare quando telefoniamo, ecco, quello è irresistibile. Dato che l’unico vocabolo con senso condiviso usato attualmente da Iris è “mamma”, la buffa poltiglia di suoni che emette con aria sera ci delizia. Al suo interlocutore lancia frasi che suonano più o meno: “Schbrflz.. vleghebè”.
Ipotizzo che dall’altra parte ci sia un bebotto coetaneo della mia piccina in grado di capire benissimo il messaggio.
I nostri computers, i telefoni, cd e dvd… La teconologia nella Casina Verde sta aumentando troppo? Al momento direi di no: a differenza di quello che succede in ambienti di nostra conoscenza, da noi non girano play-station, giocattoli automotivati o connessioni in rete per minori. E la tv è contingentata in maniera abbastanza rigorosa.
Ciò nonostante a volte ho l’impressione che la tesi storico-classica di Lia (sui sistemi dententivi ai tempi dell’Impero Romano) e qualche romanzo ottocentesco stiano complottando per fuggire dalla libreria.

La foto qui sopra a destra è uno scatto di Iris. Era puntata sul divano e inquadrava i suoi piedini 🙂
 
 

febbraio

Posted at febbraio 13, 2004 by

iris1birth_2.jpgIntanto recuperiamo un paio di momenti tutti di Iris.
Piccobebè, nel corso di una toccante cerimonia, ha completato con profitto il suo primo anno di esistenza, non più tardi di venerdì scorso.
Erano presenti tutti i rappresentanti della Casina Verde, più le “colonne” dell’ordine costituito Andrea e Lucia. Le sorelle hanno provveduto a mettere in sicurezza la torta, nonchè a verficare la qualità e la resistenza dei regali che la festeggiata ha ricevuto.
Allora colossali auguri, ripercussioni infinite di coccole e baci alla nostra Deliziosina. Non avere troppa fretta di crescere e di raggiungere il prossimo compleanno. Non correre, pensa a papà.

 
 
 
La Vonorace is powered by WordPress™ on FatMary Theme © 2008
‡ 37 queries in 0,380 sec ‡